10 Termini per la stagione di pesca a mosca

Quando si apre la stagione della pesca a mosca, che si tratti di trote o di qualsiasi altra specie, sentirai i pescatori a mosca usare una terminologia che probabilmente suona un po’ strana se sei nuovo nel mondo della pesca a mosca. La pesca a mosca è divertente e può essere facile da imparare, quindi non lasciarti intimidire da alcuni termini sconosciuti. Leggi alcuni di quelli che potrebbero essere i termini più strani per la pesca a mosca, quindi esci all’aperto per provare a pescare a mosca in un lago, fiume o ruscello locale vicino a te.

Termini unici di pesca a mosca

1. Falso cast. Lanciare la coda di topo avanti e indietro nell’aria come un modo per allungare la quantità di lenza che si estende dalla tua canna da mosca o per cambiare la direzione del lancio.

2. Doppio trasporto. Termine usato per il cast in cui tiri e rilasci rapidamente la linea sia sul lancio posteriore che su quello in avanti. Un doppio raggio viene utilizzato per creare una maggiore velocità della linea, che può aumentare la distanza di lancio o ridurre il vento.

3. Caricamento. Il carico è l’effetto del peso della coda di topo sulla tua canna da mosca in base alla posizione della punta della canna e allo slancio del lancio. La posizione della punta della canna è importante quando si carica la canna da mosca per fare in modo che la lenza rimanga piatta dopo il lancio finale in avanti.

4. Mancia. Il tippet è la sezione leggera del materiale del leader che si attacca all’estremità del leader e all’altra estremità alla mosca.

5. Marabù. Il marabù descrive un certo tipo di rifilatura delle piume che viene spesso utilizzato quando si levano le mosche per la stagione della pesca a mosca. In origine, le piume prendevano il nome dal piumino o dalle piume della cicogna marabù. Oggi il termine è usato per riferirsi anche alle piume di tacchini e polli per la costruzione di mosche.

6. Mosca secca. Una mosca secca è una mosca che è stata fatta galleggiare sulla superficie dell’acqua.

7. Hackerare. Piume, solitamente della zona del collo di un pollo, che possono essere tinte di qualsiasi colore e utilizzate per legare le mosche.

8. Bobina. Una bobina è uno strumento per la costruzione di mosche che trattiene il filo utilizzato per legare una mosca.

9. Spogliarello. Introdurre o recuperare una coda di topo con una serie di tiri brevi o vari in modo da simulare il movimento di un insetto vivente o di un pesce esca. Lo stripping può comportare anche i movimenti della punta della canna da mosca.

10. Ciclo su ciclo. Una connessione di linea di topo che viene utilizzata per collegare il tuo leader di mosca alla tua coda di topo. Questa connessione viene effettuata utilizzando un Perfection Loop Knot all’estremità di una coda di topo, quindi collegandolo a un Perfection Loop nel tuo leader.

Ora che conosci un po’ di più il linguaggio della stagione della pesca a mosca, dedica qualche minuto a conoscere i diversi tipi di canne da pesca a mosca e altri attrezzi di cui avrai bisogno per essere un pescatore a mosca di successo.


Potrebbe piacerti anche

Debbie Hanson

Debbie Hanson

Debbie Hanson è una pluripremiata scrittrice all’aperto, sostenitrice della pesca sportiva femminile, detentrice del record mondiale IGFA e guida d’acqua dolce che vive nel sud-ovest della Florida. Il lavoro scritto di Hanson è apparso in pubblicazioni come Florida Game & Fish Magazine, BoatUS Magazine e USA Today Hunt & Fish. Per saperne di più sul suo lavoro, visita shefishes2.com o seguila su Instagram @shefishes2.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *