3 modi in cui un tuffo polare cattura i pesci: tecniche di acqua fredda

Una volta recuperate, le esche variano notevolmente nella loro gamma di azioni come la tenuta dell’oscillazione, la profondità dell’immersione o la quantità di lampo di una lama rotante. Tuttavia ci sono molte occasioni come la pesca in acque fredde, dove solo la goccia è l’azione. Quando l’esca cade sul fondo o prima della profondità preferita, potresti scoprire che alla prima manovella del mulinello potrebbe essere già presente un pesce.

Una tecnica per i pescatori di basso in cui l’acqua fredda è ancora aperta è quella di saltare lentamente un jig ingombrante lungo il fondo. Sollevando lentamente la punta della canna il jig nuota sopra le rocce ma poi facendo cadere la punta della canna, il jig si tuffa improvvisamente. Questo cambio di direzione, insieme al trailer jig dimenante o alla gonna pulsante mentre cade, possono attirare i bassi pigri dal loro torpore dell’acqua fredda.

Drop-Lipless-Crankbait-Cold-E

Un’altra sorprendente tecnica per l’acqua fredda è il crankbait lipless. Ciò che è sorprendente è la rapidità con cui questa esca può essere utilizzata in queste condizioni. Piuttosto che un recupero dritto, mulinello mentre sollevi la punta della canna, quindi lasciala svolazzare verso il basso, toccando appena la parte superiore dei letti di erbacce rimanenti e preparati per un morso di reazione. Il pescatore del torneo Bassmaster Elite, Kevin VanDam, ha dato spettacolo con questa tecnica quando ha vinto il Bassmaster Classic 2010 in una piccola baia ricoperta di ghiaccio solo due giorni prima.

Forse in nessun altro tipo di pesca l’azione di caduta dell’esca è più importante che nella pesca sul ghiaccio. Qui, non puoi lanciare; ogni esca è limitata alla sola azione verticale. I pescatori di ghiaccio spesso fanno rimbalzare minuscole maschere su e giù tra le profondità target in cui potrebbero essere localizzati i pesci. Il pesce persico giallo e il crappie vengono catturati attraverso il ghiaccio in un lago locale qui in Pennsylvania utilizzando un’ampia gamma di cucchiai che sbattono e oscillano mentre affondano.

La caduta di un’esca è un’azione che comunica la vulnerabilità ai pesci predatori. Assomiglia così tanto a uno spuntino facile che il pesce può colpire, anche se non necessariamente affamato in acqua fredda, a causa del basso metabolismo.

Hai una tecnica di pesca subacquea preferita?


Potrebbe piacerti anche

Andy Whitcomb

Andy Whitcomb

Andy è uno scrittore all’aperto (http://www.justkeepreeling.com/) e papà stressato ha contribuito con oltre 380 blog a takemefishing.org dal 2011. Nato in Florida, ma cresciuto sulle rive degli stagni delle fattorie dell’Oklahoma, ora insegue lucci, spigole e steelhead in Pennsylvania. Dopo aver conseguito una laurea in zoologia presso l’OSU, ha lavorato in incubatoi ittici e come tecnico di ricerca sulla pesca presso l’OSU, Iowa State e Michigan State.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *