4 consigli per la scelta di una guida alla pesca

Credito fotografico Il capitano Clay Evenson.

20 anni fa, non sapevo cosa stavo facendo quando ho assunto la mia prima guida di pesca sulla grande isola delle Hawaii. Ho sfogliato le pagine gialle e chiamato un numero da uno dei primi annunci di guide di pesca che ha attirato la mia attenzione. Un collega ha risposto e gli ho chiesto se fosse disponibile per la pesca charter in pochi giorni. Ha detto che stava giocando a bowling e mi ha chiesto se potevo “richiamarlo domattina”.

La sua risposta mi ha quasi fatto continuare a chiamare altri annunci, ma poi ho pensato, forse stupidamente: “Wow, ha un po’ di coraggio. Forse questo significa che è davvero bravo”.

Quando l’ho chiamato il giorno dopo, gli ho spiegato cosa volevo: fare una battaglia epica con un grosso pesce. Ho detto che volevo essere “dolorante per giorni”. La sua risposta ridente ha sigillato l’accordo: “Ho messo le persone in trazione”.

Ho appreso più tardi che forse sono stato fortunato. Quel giorno c’erano 40 barche da pesca charter che uscivano dal porto di Kona. Solo 2 pesci catturati durante questo periodo un po’ fuori. La mia barca era una di queste. E sebbene non fossi dolorante per giorni, ho sicuramente apprezzato la mia prima e finora unica esperienza con un marlin a strisce.

Ecco alcuni (migliori) consigli per la scelta di una guida alla pesca:

1. Consigliato. La guida ha una buona reputazione? Forse hai un amico o un parente che ha pescato con questa guida? Hai letto le recensioni online?

2. Stato della cattura. Cosa si fa con il pesce che catturi? Catturare e rilasciare? Caricare un dispositivo di raffreddamento? Ad esempio, alle Hawaii il pesce di solito appartiene al capitano. Alcune guide hawaiane potrebbero dividere il pescato con te, a seconda della specie.

3. Regole. Molte guide di pesca oggigiorno hanno i propri siti web. Questo conterrà informazioni preziose su: cosa aspettarsi, cosa portare e cosa NON portare.

4. Versatilità. La tua guida è in grado di lavorare dal piano A al piano E o oltre per metterti sul pesce?

Una guida è un ottimo investimento, soprattutto quando si viaggia per una battuta di pesca. Il tempo è poco e vuoi un sacco di urlare bobina per il dollaro. È anche un ottimo modo per imparare. Dove vanno, cosa hanno lanciato e perché. Assicurati di controllare qui per suggerimenti sulla sicurezza della pesca.


Potrebbe piacerti anche

Andy Whitcomb

Andy Whitcomb

Andy è uno scrittore all’aperto (http://www.justkeepreeling.com/) e papà stressato ha contribuito con oltre 380 blog a takemefishing.org dal 2011. Nato in Florida, ma cresciuto sulle rive degli stagni delle fattorie dell’Oklahoma, ora insegue lucci, spigole e steelhead in Pennsylvania. Dopo aver conseguito una laurea in zoologia presso l’OSU, ha lavorato in incubatoi ittici e come tecnico di ricerca sulla pesca presso l’OSU, Iowa State e Michigan State.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *