5 consigli per la pesca con i bambini

Credito fotografico Aly Nicklas

Vuoi che i tuoi figli amino la pesca tanto quanto te. Per trovare lo zen e la pace, la pazienza, il brivido, la fiducia, la concentrazione, la connessione con la natura. Possono, e lo faranno.

Ci sono poche cose più gratificanti che guardare il tuo bambino mentre padroneggia un cast, o annaspa con orgoglio il pasto serale. Inoltre, potresti trovare il tuo nuovo compagno di pesca preferito. Questi suggerimenti ti aiuteranno a condividere il tuo amore per l’arte della pesca con i tuoi figli.

1. Gestisci le aspettative.
Se fai l’intero viaggio per catturare un pesce, è probabile che torni a casa con delle facce amare. Invece, sposta l’attenzione sulla pratica del cast, sull’esplorazione dell’habitat e semplicemente trascorrendo un po’ di tempo rilassato con la famiglia all’aperto. Quando appropriato, usa la pratica del catch-and-release come un’opportunità per potenziare i tuoi figli come piccoli ambientalisti. Rendi un rituale della giornata di pesca per andare a goderti un pasto a base di pesce fresco intero in seguito, indipendentemente dal fatto che tu abbia catturato qualcosa. In questo modo, alla fine dell’avventura ci sarà sempre un pesce. Come bonus aggiuntivo, è un’opportunità perfetta per sviluppare le conoscenze dei tuoi bambini sulla provenienza del loro cibo.

Credito fotografico Aly Nicklas

2. Esercitati a casa.

Nessuno vuole iniziare una relazione con la pesca agganciandosi a un gesso, e quel tipo di presentazione potrebbe spaventare un giovane per anni. Ricorda sempre di insegnare cautela con il sartiame e l’innesco dell’amo. Prendi una canna da allenamento corta truccata con del filo e lascia che la frullino in giro per il cortile o anche per il soggiorno. Il suo peso consentirà loro di avere un’idea del cast prima di passare alla realtà. Inoltre, si divertiranno di più (e saranno più propensi a catturare qualcosa) se hanno una certa competenza con il loro lancio prima di entrare in una situazione in cui ci sono cespugli da agganciare e pescare da perdere con una lenza caduta troppo forte. Quando sono pronti per la cosa reale, vai alla nostra pagina sugli attrezzi e le attrezzature per la pesca a mosca e preparati.

3. Fai qualche ricerca sulla posizione.
Scegli una bella zona erbosa pianeggiante con sponde dolci vicino a una piscina, dove non ci sono molti ostacoli nel modo di lanciare e c’è spazio per fare un pisolino o giocare in riva al fiume (senza cadere o spaventare i pesci) quando sono necessarie delle pause .

Credito fotografico Aly Nicklas

4. Lascia che portino un amico!

Si divertiranno di più ad apprendere le abilità, esplorare e godersi quel pasto post-sessione se hanno un compagno con cui condividere l’esperienza.

Credito fotografico Aly Nicklas

5. Incoraggiare l’esplorazione.

Quando sono stanchi di lanciare, incoraggiali a curiosare lungo la riva del fiume. Possono cercare creature, raccogliere rocce e sporcarsi. Mostra loro diversi tipi di mosche legate e poi mandale a cercare la cosa reale per osservare dove si trova e come si muove nel suo ambiente (quando torni a casa, possono imparare a legarle da sole guarda il nostro video “Serie di nodi di pesca a mosca” Insegna loro a identificare i diversi tipi di correnti. Incoraggiali a pensare come un pesce: dove andrebbero in giro? Lasciali entrare in acqua e vedere quanto possono avvicinarsi di soppiatto a un pesce. Assicurati di dare loro l’opportunità di godetevi l’ambiente alle loro condizioni, qualunque cosa ciò possa significare. Perché quando scende, la cosa più importante che stai costruendo è l’amore per l’esperienza e catturare un pesce è solo una piccola parte di questo.

Visita il nostro sito per ulteriori consigli sulla pesca


Alisa Geiser

Alisa Geiser

Alisa Geiser adora la natura selvaggia ed è dedicato al 100% all’avventura. Un giorno farà dei bambini, ma in questo momento è sopraffatta da quanto siano perfetti i suoi 11 nipoti e fa divertire suo figlio insegnando loro a fare skateboard, organizzando feste di pigiama party nel suo tipi e portandoli in escursioni dove scoprono che goditi cose come mangiare l’anguilla. Alisa è una scrittrice, editrice e regista con un track record di coinvolgimento in progetti che fanno molto rumore per promuovere cause sociali positive: i clienti recenti includono Honor The Treaties e la Alex Lowe Charitable Foundation. Knee Deep, il film documentario sul volontariato di base che ha co-diretto nel 2014 con Aly Nicklas, è attualmente in tournée internazionale. Il suo lavoro è stato pubblicato su Women’s Adventure Magazine, National Geographic PROOF, Elephant Journal e altrove. È rappresentata da Foundry Literary + Media e ha conseguito una laurea in giornalismo presso l’Università del Colorado, Boulder.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *