5 consigli per pulire la tua barca

La fine della stagione nautica regala sempre emozioni contrastanti. Sapere che alzeremo le nostre barche e le prepareremo per il rimessaggio significa che non ci dirigeremo in acqua a breve, e questo puzza. C’è anche la manutenzione ordinaria che riguarda lo svernamento dei motori, la rimozione dell’elettronica e la riparazione di portelli, ringhiere o teloni che hanno subito un uso intenso. Ogni nuvola ha un lato positivo e gestire questi problemi ora significa che quando arriverà la prossima stagione saremo pronti per il jet. La parte che odio di più, però, è la pulizia generale e il lavaggio.

Quando ero più giovane tiravo fuori le spazzole e i panni con dei detergenti generici come detersivi liquidi o Comet. Non ho speso molto per gli addetti alle pulizie, ma con molto tempo e un sacco di olio di gomito, avrei rimosso la maggior parte dello sporco, delle macchie e della sporcizia che provenivano dalla pesca, dalla caccia e dalle attività familiari. Credimi, ci è voluto un tempo incredibile e ancora non l’ho pulito completamente.

Mi piace pensare che l’età non mi renda solo più vecchio, ma anche più saggio, e diversi anni fa ho cercato il modo di andare all’inseguimento. Volevo finire con le pulizie e, poiché il mio Maritime Skiff invecchiava, volevo mantenerlo il più nuovo possibile. Quindi ecco alcuni prodotti che consiglio personalmente che ti faranno risparmiare tempo e fatica nel ripulire dopo una stagione di divertimento al sole.

1. Il dispositivo di rimozione delle strisce nere è per tutte le persone che sono salite a bordo della tua barca bianca con calzature con suola nera. Anche se probabilmente ti sei assicurato che non si presentassero più con le suole nere, il danno è comunque fatto. Come sai, quei segni sono difficili da rimuovere, quindi bagna uno straccio, aggiungi un po’ di solvente per strisce nere e asciuga quelle tracce. Un semplice sollevamento con l’acqua da un tubo da giardino fa sembrare il ponte come nuovo.
2. La striscia di alghe è un detergente per il fondo che rimuove alghe, cirripedi e quelle fastidiose cozze zebra che si aggrappano al fondo della tua barca. È semplice da usare. Utilizzare un’idropulitrice o una spazzola per rimuovere i detriti sciolti. Versare una striscia di alghe in una teglia e applicare con un rullo. Lascia agire la sostanza chimica per circa mezz’ora e risciacqua con un tubo da giardino.
3. La lucentezza della barca è un panno per pulire/eliminare lo smalto per barche. Dopo aver rimosso la schiuma, ottieni la lucentezza senza dover lucidare o lucidare. Sigillerà il gel coat e può essere utilizzato su scafi verniciati o non verniciati.
4. Non dimenticare la sentina, diventerà più puzzolente della spazzatura della scorsa settimana lasciata al sole. Eccone uno facile che puoi fare durante il tuo ultimo viaggio dell’anno. Versa il bagno di sentina nella sentina ed esci sulla tua barca. Il movimento oscillante lo fa vibrare tutto intorno e quando drenerai la sentina sarà pulita, ordinata e ordinata.
5. E se hai una barca in alluminio o un pontone, eccone uno per farlo brillare. Alumabrite. Spruzzare o spazzolare e risciacquare. Usalo anche su ringhiere in alluminio.

Ci sono molti altri prodotti simili sul mercato che faranno anche un ottimo lavoro. Quindi, se non ne hai usato nessuno, provali quest’autunno. Renderà la pulizia più veloce e toglierà un po’ di fastidio alla fine della stagione.


Potrebbe piacerti anche

Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *