5 cose da sapere sulla conservazione dell’acqua

L’acqua potrebbe sembrare la più rinnovabile delle nostre risorse naturali perché cade dal cielo sotto forma di pioggia, ci circonda nei nostri oceani ed esiste nelle calotte polari e nei ghiacciai. Tuttavia, poiché l’acqua è essenziale per la maggior parte delle nostre attività quotidiane e per ambienti acquatici sani, dobbiamo essere particolarmente consapevoli di come conservarla.

Usiamo l’acqua per bere, lavare, coltivare i raccolti, nonché per l’edilizia e la produzione. Con 7,5 miliardi di persone sul nostro pianeta e una popolazione che si prevede raggiungerà quasi 10 miliardi entro il 2050, la conservazione delle risorse naturali diventerà sempre più importante.

Come puoi contribuire a preservare le nostre risorse naturali idriche? Impara e agisci su politiche, strategie e attività che aiutano a gestire in modo sostenibile le nostre risorse acquatiche.

Ecco cinque cose che dovresti sapere sulle risorse naturali dell’acqua e sugli sforzi di conservazione associati:

Questi cinque punti importanti possono fare una grande differenza quando si tratta di proteggere le nostre risorse naturali e gli sforzi per la conservazione dell’acqua. Partecipa, pratica la conservazione dell’acqua a casa e spargi la voce.

  1. Considerare la disponibilità di acqua laddove il prelievo della risorsa non superi il suo tasso di rimpiazzo naturale. In altre parole, puoi preparare una presentazione per un’organizzazione civica locale per aiutare la tua comunità a comprendere i passi specifici che possono intraprendere per conservare le risorse naturali? Ad esempio, aggiusta gabinetti e rubinetti che perdono, irriga i prati la sera o nelle prime ore del mattino e chiedi alle aziende di autolavaggio locali se riciclano l’acqua invece di lasciarla scorrere negli scarichi delle fognature.
  2. Ricordati che molti fertilizzanti e pesticidi utilizzati all’aperto possono contenere sostanze chimiche pericolose. Queste sostanze chimiche possono viaggiare attraverso il suolo, contaminare le acque sotterranee e infiltrarsi nei nostri ecosistemi acquatici. Ricercare e utilizzare alternative non pericolose ove possibile. Se devi usare queste sostanze chimiche, usale con moderazione.
  3. Partecipa agli sforzi di conservazione dei pesci e della fauna selvatica che aiutano a educare la comunità su come preservare e proteggere gli habitat di acqua dolce per la fauna locale, oltre a migliorare la qualità complessiva dell’acqua. Ad esempio, la Florida Fish and Wildlife Conservation Commission’s Sezione Conservazione e Restauro degli Habitat Acquatici lavora al ripristino degli habitat di acqua dolce, marina ed estuario della Florida e accoglie favorevolmente la partecipazione di volontari.
  4. Pratica abitudini che riducono il consumo di energia. L’anidride carbonica derivante dall’uso di combustibili fossili può rendere i nostri oceani più acidi. A lungo termine, ciò può contribuire alla perdita delle barriere coralline (gli scheletri di calcio dei coralli possono essere indeboliti dall’aumento dei livelli di acidità). Sforzati di ridurre la tua impronta di carbonio andando in bicicletta, utilizzando i mezzi pubblici e spegnendo gli elettrodomestici di casa quando non sono in uso.
  5. Informati sui problemi di conservazione dell’acqua ed esercita il tuo diritto di voto. L’elezione dei giusti funzionari pubblici è essenziale per buone politiche di conservazione dell’acqua. Fai le tue ricerche in modo da poter prendere una decisione informata. In caso di dubbi o domande su queste politiche, contattare il rappresentante statale.

Questi cinque punti importanti possono fare una grande differenza quando si tratta di proteggere le nostre risorse naturali e gli sforzi per la conservazione dell’acqua. Partecipa, pratica la conservazione dell’acqua a casa e spargi la voce.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *