Abbattere le barriere nella pesca e nella nautica

Sono cresciuto in un minuscolo villaggio di pescatori rurale sull’isola di Trinidad. La famiglia di mio padre era di pescatori, come lui da ragazzo. Così, fin da piccolo, ho sviluppato un forte legame con l’acqua e un profondo amore per la pesca. A volte mio padre mi portava con sé sulla barca. Passavo la giornata, stordito dall’eccitazione, esaminando i pesci e le creature marine che portavano i pescatori. Questa educazione ha facilitato i miei primi contatti con la natura e mi ha insegnato alcune delle mie prime lezioni sulla sostenibilità.

Io sono Noemiun vanlifer immigrato omosessuale di identificazione nera e appassionato di attività all’aria aperta, che vive a tempo pieno sulla strada nella mia Volkswagen Vanagon del 1985 dal 2016. L’aria aperta è la mia casa e trascorro la maggior parte delle mie giornate esplorando, avventurandomi e crogiolandomi in tutte le bellezza, lezioni e gioia che la natura ha da offrire. Ma la mia vita non è sempre stata così.

Quando ho finito il liceo a 17 anni, ho lasciato il mio villaggio, il mio paese e la mia famiglia e sono venuta negli Stati Uniti alla ricerca del sogno americano. Ho lavorato duramente per costruirmi una vita e, come fanno molte persone, sono stato consumato dal ritmo veloce e dalla frenesia della società. Da qualche parte lungo la strada, ho perso il contatto con le mie radici outdoor.

È stato solo con l’ingresso in vanlife che ho iniziato a ricostruire il mio rapporto con la natura. E la porta per il mio rientro all’aria aperta era, hai indovinato, la pesca.

Durante la mia prima estate in viaggio, ho visto un uomo che guadava il fiume Yellowstone nel Montana, pescando a mosca le trote. Fino ad allora, l’avevo visto solo in TV. Ero affascinato e volevo così tanto imparare, ma non avevo idea di come o da dove iniziare. Anche se l’avessi fatto, l’alto costo dell’attrezzatura e il fatto di non aver mai visto nemmeno un nero pescare con la mosca, lo facevano sembrare un’attività non accessibile per uno come me.

Queste erano solo alcune barriere all’ingresso che impedivano la mia capacità di ristabilire il mio rapporto con la natura, la più grande delle quali era la mancanza di rappresentazione. Vedi, io credo che prima di poter essere il meglio di te stesso sull’acqua, devi vedere il meglio di te stesso sull’acqua. La pesca è un’esperienza che ci collega alla natura e tutti dovrebbero sentirsi abbastanza al sicuro da presentarsi e avere accesso all’acqua.

Ecco alcuni consigli per BIPOC che scende in acqua per la prima volta, o per la prima volta dopo tanto tempo:

1. Andare insieme

Organizza una battuta di pesca con la famiglia o gli amici, o guarda se c’è un gruppo locale BIPOC all’aperto sui social media, connettiti e pianifica una gita con loro.

2. Assumi una guida professionale

Prima volta a pescare o andare in barca? Assumi una guida professionista che possa insegnarti le basi e portarti in luoghi in cui hai quasi la certezza di pescare. TakeMeFishing.org ha risorse utili GRATUITE per trovare tour e guide per aiutarti a uscire facilmente dall’acqua! Assicurati di seguire @take_me_fishing anche su Instagram per un po’ di ispirazione e per vedere più rappresentazioni BIPOC sull’acqua.

3. Prendere in prestito/affittare attrezzatura, o risparmiare o acquistare di seconda mano

Ho trovato attrezzi da pesca di qualità economici e gratuiti nelle vendite di cantieri e nei negozi dell’usato. REI ha anche buoni affari su attrezzatura usata e offre anche noleggio attrezzatura in molte aree.

4. Sii preparato

Conosci in anticipo l’acqua in cui pescherai o andrai in barca in modo da poter essere preparato: scopri la fauna selvatica della zona, che tipo di pesce potresti catturare, i periodi migliori dell’anno per essere in acqua e tutte le regole e regolamenti come le politiche di cattura e rilascio.

5. Ridere attraverso di esso!

All’inizio potresti sentirti sciocco e/o nervoso, ma ricorda, si tratta di connettersi con la natura, la nostra dolce casa.

Cogliamo l’estate e usciamo su quell’acqua e ricostruiamo il tuo legame con la natura!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *