Come NON rompere la canna da pesca

Che peccato rompere la tua canna da pesca preferita. Anni di ricordi possono svanire in un attimo. E a meno che tu non abbia un backup nelle vicinanze, se la pausa avviene in acqua, la tua giornata di pesca è finita. Certo, molte canne hanno una garanzia che copre riparazioni o sostituzioni in questi giorni. Ma non è di conforto quando i pesci mordono tutto intorno a te. È sempre meglio evitare il problema in primo luogo, e mentre gli incidenti sono sempre destinati a succedere, ci sono un paio di cose che puoi fare per assicurarti che la tua canna rimanga intatta per molti giorni e anni in acqua.

La maggior parte delle rotture che vedo accadere sono dovute a negligenza o pigrizia… appoggi la canna a terra e ci calpesti… la lasci su una barca dove qualcosa cadrà su di essa… cammini con la punta contro un albero durante la marcia verso il lago… lo sbatti nel portellone del tuo veicolo… Parlo per esperienza su tutti e quattro i conti. Avendo imparato quelle lezioni nel modo più duro, tutto quello che posso dire è che un po’ di TLC fa molto per mantenere la tua canna al sicuro.

Quel TLC include anche l’ispezione visiva della tua canna mentre la allesti per pescare. Se vedi tagli e ammaccature, riparali prima che diventino un problema più grande.

Un’altra cosa importante da fare con le aste multi-pezzo è assicurarsi che le giunzioni dove i pezzi si collegano (ferrule) siano ben salde. È bene controllare le tue ferrule di tanto in tanto mentre peschi. Le ferrule larghe faranno scattare la tua canna quando fai lanci potenti, o quando qualcosa di grosso sta tirando dall’altra parte della tua lenza.

Un altro errore comune che vedo commettere sempre dai pescatori accade durante il combattimento. Senti il ​​grosso pesce tirare e la canna si flette. Vuoi una leva aggiuntiva, quindi prendi una delle tue mani e raggiungi la canna e inizi a sollevare con il grezzo. Le canne non sono progettate per questo. Nel momento in cui raggiungi l’asta, aumenti notevolmente le probabilità di romperla. È sempre meglio lasciare le mani sulle impugnature di sughero a cui appartengono.

Questi suggerimenti si applicano a tutte le canne: spinning rod, baitcaster, fly rod e così via. Per uno sguardo più da vicino ai tipi di canne, clicca qui.


Potrebbe piacerti anche

Kirk Deeter

Kirk Deeter

Kirk Deeter è un editore generale di Field & Stream e ha co-scritto The Little Red Book of Fly Fishing con il compianto Charlie Meyers.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *