Dì ai potenziali amici di pesca: “Hai finito le scuse!”

Quando le persone scoprono cosa faccio per vivere (sono uno scrittore di pesca), sento spesso cose come: “Oh, sembra divertente… ho sempre voluto dedicarmi alla pesca, ma non so dove andare.” Oppure mi dicono: “Da bambino pescavo molto, ma non ho più tempo”. A volte dico: “Sì… la pesca sarebbe un grande hobby, ma sembra così complicato e costoso”.

In realtà mi rattrista sentire quelle parole, perché penso che siano deboli scuse. Chi pesca già sa che le persone che comprano scuse del genere si stanno davvero imbrogliando.

Quindi, a partire da qui e ora, inizierò a sfatare i miti che impediscono alle persone di pescare. Se questo ti incoraggia a riprendere il gioco della pesca, bene. Se sei già un appassionato pescatore e possiamo convincere un potenziale compagno di pesca (un amico, un vicino, un genitore, un figlio o una figlia… forse anche un coniuge) a unirsi, ancora meglio.

Mito 1.
La pesca è costosa. Certo, può essere. Ma il “prezzo d’ingresso” non deve essere molto. In effetti, so che puoi trovare una combinazione canna-bobina-linea allo stesso prezzo di due biglietti per il cinema e un secchio di popcorn. Dopo due ore, il film è finito e i popcorn sono spariti… dopo due ore, la tua avventura di pesca è appena iniziata.

Mito 2.
La pesca è complicata. Può essere. Ma ancora una volta, non deve esserlo. In effetti, un amo con esca su una lenza è semplice come sembra. Certo, un giorno potresti trovarti su un fiume selvaggio, cercando di abbinare il portello dell’effimera dalle ali blu con mosche secche e una canna di canna… ma per la maggior parte di noi, quel percorso inizia con un verme e un bobber. Per il pescatore impegnato, tutta la pesca è una buona pesca.

Mito 3.
È difficile trovare posti dove andare. Immagino che dipenda da cosa vuoi catturare. Se hai intenzione di catturare un marlin blu e vivi in ​​Nebraska, sì, direi che le tue opzioni sono piuttosto limitate. Ma specie come bluegills, persico trota e piccola, crappie, pesce gatto, luccio e trota si possono trovare in una gamma sorprendentemente ampia di acque, in tutto il paese. E lo sapevi che il “pesce sportivo” numero uno a livello mondiale è la carpa comune?

La conclusione è che la vera bellezza della pesca è che può essere esattamente quello che vuoi che sia. Le sfide vanno in profondità (o meno) come vuoi che vadano. La complessità e l’impegno sono solo quanto tu decidi che dovrebbero essere. E non ci vuole molto per divertirsi. Tutto ciò di cui hai veramente bisogno è un po’ di determinazione per andare a pescare.

Incoraggiare questa determinazione e offrire alcune informazioni divertenti sulla pesca e sulla nautica sono le missioni principali di questo blog. Sono molto lieto di avere questa possibilità di condividere idee in un forum pubblico, rispondere a domande e avviare una conversazione online in corso sulla pesca e la nautica.

Quindi sentiti libero di rispondere a me nel thread dei commenti. Farò attenzione e spero che lo farai anche tu.


Potrebbe piacerti anche

Kirk Deeter

Kirk Deeter

Kirk Deeter è un editore generale di Field & Stream e ha co-scritto The Little Red Book of Fly Fishing con il compianto Charlie Meyers.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *