Dove pescare nel ghiaccio

C’è molto di più nella pesca sul ghiaccio che scavare una buca e aprire un negozio. Trovare un posto è meglio farlo quando fa caldo in modo da poterti legare ai modelli di alimentazione invernale di una specie. Analizziamo la ricerca di un punto in base ai tipi di pesce comunemente presi di mira.

Pesce persico giallo: il pesce persico fa eccitare i pescatori di ghiaccio con una buona ragione. Questi pesci migliorano e le scuole possono essere comprese tra 10 pesci e 100 pesci. Quando una bandiera sventola e un trespolo c’è una buona possibilità che tutti gli altri li raggiungano. Cercali vicino a erbacce, deadfall e in una miscela di fondali rocciosi e sabbia/fango che contengono insetti, scudi, vermi e pesciolini.

Panfish: Altri pesci che branco in inverno sono bluegills, semi di zucca e spigola. Alcuni dei loro cibi preferiti sono gli insetti, quindi possono essere trovati in acque poco profonde con alghe e fondali sabbiosi. Come con il trespolo, ci sono buone probabilità che se ne trovi qualcuno, ne troverai molto.

Trota di lago: I pescatori di ghiaccio amano catturare i lakers perché corrono a lungo e combattono duramente. La maggior parte delle loro diete invernali sono a base di pesce esca, quindi li troverai intorno agli afflussi e ai deflussi. Cacciano anche in aree che rendono facile per loro radunare alcuni pesci esca (cioè l’odore è uno dei preferiti), quindi saranno intorno a cumuli di rocce, campi di massi e nelle acque profonde vicino a muri di sostegno. Possono trovarsi in acque poco profonde o profonde, quindi se hai segnato la struttura a 40 piedi in estate, è una buona opzione in inverno.

Spigola: cerca la spigola nelle acque più profonde a 30-50 piedi. Preferiranno le zone rocciose. I piccoli a volte si spostano in acque meno profonde a differenza dei bigmouth che preferiscono rimanere in acque meno profonde. Cerca i secchielli nelle aree che hanno molte erbacce e fondi morbidi.


Potrebbe piacerti anche

Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *