Fogliame autunnale

L’autunno porta meravigliosi cambiamenti in ogni parte del paese. Dove vivo vedo i cambiamenti più profondi, con aceri, betulle, ontani e noci che diventano rossi, gialli e arancioni vibranti. Molte persone vengono da tutto il paese per vedere le foglie girare, e non posso biasimarle. Mi piace vederli più da vicino lungo i miei ruscelli e fiumi preferiti.

Le trote che catturo sono colorate come le foglie. I miei preferiti sono la trota di fiume che depone le uova. I loro segni simili a vermi sono nero corvino e, a seconda del sesso, avranno pance rosso vivo o giallo brillante. I loro dorso verde chiaro durante la stagione diventano scuri e hanno meravigliosi punti azzurri e rossi. Per la bellezza naturale, le trote di fiume sono difficili da battere. Li considero gli aceri da zucchero del fiume.

Gli arcobaleni assumono una tonalità rossastra sui loro piatti branchiali e una linea di colore simile continua lungo i lati. Anche le loro pance assumono una tonalità diversa, ed è una tonalità giallo dorato o arancione. Il loro colore di sfondo è verde, il che rende le loro macchie nere ancora più pronunciate. ‘Gli archi sono una specie di combinazione di aceri e betulle, con un po’ di sempreverde aggiunto per buona misura.

I marroni hanno macchie rosso vivo che contrastano nettamente con le altre loro macchie nere come la pece. La loro pelle assume un colore marrone burroso unico. Non sono appariscenti come i brookies e le trote fario sono tenui e maestose, un po’ come una quercia.

Le temperature dell’aria sono ancora calde, ma sento l’acqua che scorre veloce contro i miei trampolieri portando un po’ di freddo. È ciò che rende le trote colpite in modo così aggressivo e i brookies e gli arcobaleni così acrobatici. Sanno che Old Man Winter è dietro l’angolo, quindi fanno di tutto. Il punto più alto è l’atterraggio di una bella trota mentre un mucchio di foglie colorate galleggia lungo il fiume.

Non passerà molto tempo prima che tutte le foglie siano cadute, ovvero quando la trota inizierà a dormire per l’inverno. Ma in termini di finire con il botto, la caduta è assolutamente il modo migliore per farlo.


Potrebbe piacerti anche

Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *