I migliori giorni di pesca: quando fa freddo?

Le temperature dell’acqua di raffreddamento possono rendere la pesca autunnale eccezionale, ma anche un po’ complicata poiché i pesci si spostano in luoghi diversi e si nutrono di stati d’animo diversi. Ma l’acqua fredda è inevitabile. L’inverno sta arrivando, se non già qui in alcuni posti. Una volta che la temperatura dell’acqua scende a 50 gradi o meno, le specie di pesci reagiscono in modi diversi, ma in qualche modo si depositano nel loro morso invernale che può essere sorprendentemente caldo.

Ad esempio, in questo momento i famosi corsi d’acqua della Pennsylvania “vicolo Steelhead” sono spalla a spalla in molti luoghi. Non faremo altre 2 ore di trekking lassù fino a quando una grave ondata di freddo non ridurrà la forte pressione di pesca. Il morso risultante dal minor numero di pescatori di trampolieri che i pesci vedono lungo le sponde compenserà ampiamente il leggero calo del metabolismo di uno Steelhead.

Per alcune specie, le tecniche cambiano in acqua fredda. I pescatori di persico trota possono passare a esche più fini come un jig a testa traballante da 3/16 once che rimbalza lentamente lungo il fondo. Il jerkbait, con una lunga pausa tra le contrazioni, ottiene anche più “tempo di gioco” in acqua fredda perché il basso può essere sospeso a metà colonna d’acqua.

Ma per altre specie, le stesse tecniche continuano a produrre in acqua fredda se si rallenta un po’. Walleye, sauger e l’ibrido “saugeye”, non riescono ancora a resistere a un jig con la punta di un pesciolino che picchietta le rocce sul fondo. E prima che l’acqua calma inizi a ghiacciarsi, il luccio sbatterà ancora le esche e i cucchiai lentamente recuperati.

Non sono un fan del freddo. In effetti, si potrebbe dire che sono proprio scontroso quando sono fuori a raschiare il parabrezza del camion. Ma la consistenza del morso dell’acqua fredda e le frequenti buone giornate di pesca che ne derivano di solito fanno sorridere il mio viso tremante e screpolato. Il che mi ricorda, assicurati di indossare il giubbotto di salvataggio per proteggerti dai pericoli dell’ipotermia.


Potrebbe piacerti anche

Andy Whitcomb

Andy Whitcomb

Andy è uno scrittore all’aperto (http://www.justkeepreeling.com/) e papà stressato ha contribuito con oltre 380 blog a takemefishing.org dal 2011. Nato in Florida, ma cresciuto sulle rive degli stagni delle fattorie dell’Oklahoma, ora insegue lucci, spigole e steelhead in Pennsylvania. Dopo aver conseguito una laurea in zoologia presso l’OSU, ha lavorato in incubatoi ittici e come tecnico di ricerca sulla pesca presso l’OSU, Iowa State e Michigan State.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *