I nostri parchi nazionali sono regali per tutti i pescatori

Che dono straordinario hanno fatto i nostri antenati quando hanno messo da parte i parchi nazionali americani. Ho avuto la fortuna di viaggiare in tutto il paese e pescare in diversi luoghi eccitanti, ma c’è qualcosa di speciale nell’essere in posti come Grand Teton, Yellowstone, le Everglades o il Rocky Mountain National Park.

Ognuno di loro ha una sensazione distinta, un certo odore fresco nell’aria e i suoni della natura pura. Ho spesso pensato che avresti potuto bendarmi e “trasferirmi” nelle mangrovie dell’entroterra delle Everglades, o nel secondo prato di Slough Creek (Yellowstone), e in pochi secondi avrei saputo esattamente dove mi trovavo.

Il fascino dei Parchi, in particolare la pesca nei parchi, non riguarda necessariamente la solitudine. Come può testimoniare chiunque abbia visitato Yellowstone ad agosto, i nostri parchi possono essere luoghi affollati. (È una strana sensazione sedersi in un ingorgo causato dai bisonti.) Tuttavia, con un po’ di pianificazione e la volontà di fare escursioni fuori dai sentieri battuti, ci si può ritrovare totalmente isolati, a pescare in un ruscello o lago incontaminati da soli .

No, per me quello che mi sprofonda di più quando mi trovo in un parco nazionale è il volume della grandezza naturale incontaminata. Valli enormi e gigantesche… catene montuose imponenti… fitte paludi subtropicali… il tutto non segnato da cartelloni pubblicitari, linee telefoniche e condomini arroccati in luoghi che offrono i panorami migliori.

E la cosa migliore è sapere che i Parchi rimarranno così per sempre. Li possediamo tutti. Traggo grande conforto dal sapere che i miei pronipoti potranno visitare i Teton e vederli esattamente come appaiono qui.

E i Parchi ospitano anche alcune delle popolazioni di pesci autoctoni più fragili d’America. Le trote spietate dal biglietto verde di solito non sono così grandi e di solito non sono così difficili da ingannare. Ma catturarli (nel Rocky Mountain National Park in Colorado) è una delle più grandi emozioni da provare in qualsiasi parte del mondo.

Quindi, se non l’hai ancora fatto, assicurati di mettere una visita a uno o più parchi nazionali americani nella tua lista di cose da fare per la pesca. L’autunno è una delle stagioni migliori per farlo accadere.


Potrebbe piacerti anche

Kirk Deeter

Kirk Deeter

Kirk Deeter è un editore generale di Field & Stream e ha co-scritto The Little Red Book of Fly Fishing con il compianto Charlie Meyers.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *