Leader per la pesca a mosca: la connessione critica

Non c’è niente di più frustrante che mettersi in posizione per far cadere una mosca davanti a un pesce e vedere la lenza e il leader** trasformarsi in spaghetti. Qualsiasi pesce che si rispetti sfreccia per ripararsi e le probabilità di catturare un pesce in fuga sono minime. Un leader che corrisponda alla tua situazione di pesca ti aiuta a catturare più pesci.

La lunghezza del leader è davvero importante. In un torrente, una piscina o uno stagno primaverile di solito avrai bisogno di un leader più lungo e più fine. Quelle acque che si muovono più lentamente danno a una trota più tempo per guardare le cose. I capi lunghi e raffinati hanno punte delicate ed è più facile ingannare un pesce. Se inizi a pescare in acque più profonde o in acque più veloci, la limpidezza è peggiore. I capi più corti funzionano meglio perché ti aiuteranno a nuotare o andare alla deriva con la tua mosca in modo più naturale. In acque più veloci, le trote devono prendere una decisione più velocemente, quindi puoi farla franca con un test più pesante.

I capi più rigidi sono utili quando si girano mosche grandi e resistenti al vento per spigole d’acqua dolce o salata. Un leader leggero non ha la spina dorsale per capovolgere un pelo di cervo filato o un popper in legno di balsa. Usa un materiale rigido per aiutare a presentare correttamente le mosche di grandi dimensioni.

Mentre mescoli e abbini i tuoi materiali, assicurati di guardare il diametro e non solo il test della libbra sulla decalcomania. Il diametro del test da 20 libbre per Stren Fluorocarbon è .018, mentre Berkley Trilene è .017 e Orvis Mirage Fluorocarbon è .015. I nodi non si incastrano correttamente quando c’è una differenza troppo grande nei diametri. E tirano quando un pesce tira dall’altra parte.

Abbina i tuoi leader alla situazione e preparerai ogni volta un’ottima presentazione. Almeno lo farai finché non soffia il vento, e ne parleremo più avanti….

(** I leader di mosche sono fili di monofilamento affusolati che collegano la lenza alla mosca. Sono progettati per lanciare (presentare) mosche nel modo in cui il pesce si aspetta di vedere gli alimenti.)


Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *