Navigazione sicura

I miei figli stanno raggiungendo l’età in cui sono pronti per imparare a comandare le nostre barche. Ho tirato fuori la mia guida al pilota di Chapman per coprire alcune regole della strada, come famiglia faremo tutti un corso di nautica sicuro quest’inverno, e poi quando il tempo sarà bello torneremo in acqua.

Ecco alcuni scatti che ho scattato quest’estate. Il mio obiettivo non è essere critico nei confronti di nessuno, è mostrare che tutti possono usare una spazzola. Ci sono una moltitudine di problemi in corso in queste immagini, con alcuni errori tecnici e altre chiamate discutibili.

Il problema principale di questa ripresa è che la barca a motore non sta entrando nel porto nel canale principale. Consiglio: Rosso, Destra, Ritorno. In secondo luogo, il motoscafo lascia una scia.

Consiglio: non lasciare assolutamente nessuna scia in una zona vietata alla scia. Un terzo problema è che le persone sia sulla barca a motore che sulla barca a vela non indossano giubbotti di salvataggio. Consiglio: quando avrai bisogno di un giubbotto di salvataggio, probabilmente è troppo tardi. Con così tante opzioni a basso profilo e comode disponibili oggi, ha senso che tutti a bordo ne indossino una, specialmente i bambini.

Una chiglia nel fango e una barca dalla sua parte non è mai una buona idea. Immagina la quantità di stress aggiunto allo scafo e alla chiglia. Consiglio: Il capitano avrebbe fatto bene a rivedere una carta nautica prima di calare l’amo ea consultare una carta delle maree per la zona.

L’attrito in genere si verifica tra chi gestisce barche a motore e chi gestisce barche a vela. Ma qui, il marinaio che corre in acque scarse è molto vicino ai kayakisti. Consiglio: datevi un po’ di spazio, c’è molta acqua da esplorare. E segui le “regole della strada”.

Ormeggiare correttamente le barche è una buona idea, in particolare in un porto affollato o in una giornata ventosa. Danni significativi possono verificarsi per i marinai di oggi che si schiantano l’uno contro l’altro. Consiglio: legare le barche individualmente invece che collettivamente.

Ce ne sono molti di più, ma hai capito. L’inverno è un buon momento per rinfrescarsi con le basi della nautica in modo responsabile. E più capitoli concluderemo, più ci avvicineremo alla primavera.


Potrebbe piacerti anche

Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *