Parco nazionale delle Everglades

Per qualsiasi motivo è facile pensare a un parco nazionale come a un parco terrestre. E a un milione e mezzo di acri, sarebbe facile pensare che il Everglades Parco Nazionale (www.nps.gov/ever/index.htm) è costituito da un’enorme quantità di terreno. Uno degli attributi eccezionali del parco è che 1/3 di esso, o 500 milioni di acri, è costituito da acqua. Il fatto che un’enorme quantità di selvaggina sia presente in queste acque significa che quando imposti la bussola per dirigerti verso la regione selvaggia subtropicale faresti bene a portare con te una varietà di tipi di attrezzatura da pesca. Ci sono molte specie diverse di pesci da catturare.

Alcuni dei più grandi porti di pesca si trovano all’interno o vicino al parco che fondamentalmente va dal confine settentrionale della Route 41 (il Tamiami Trail) al confine meridionale della Route 1 (attraverso le Florida Keys). Città delle Everglades. Chokoloskee. Fenicottero. L’arcipelago delle Thousand Island si trova lungo il lato occidentale e da solo potrebbe rappresentare abbastanza acqua per pescare in una vita. Ciò che rende il parco ancora migliore è che il parco è aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all’anno.

La profondità dell’acqua è abbastanza costante in tutto il parco ed è profonda meno di cinque piedi. Le opportunità per uno slam backcountry per snook, scorfano e trota di mare sono buone lungo le aree meridionali e occidentali. Highland Beach e Cape Sable sono buone per lo snook e i rossi possono essere catturati vicino al Flamingo Campground. Ci sono anche opportunità stagionali per uno slam di bonefish, tarpon e permesso. La pesca a mosca di queste specie è molto comune, ma anche usare una canna da spinning in acqua dolce e stickbait come Mirrolures, Bass Assassins, Twisty Tails e jig con la punta di gamberetti funziona alla grande. Jack Crevalle, ladyfish e dentici di mangrovie sono specie comunemente catturate.

Il parco ha molti terreni diversi, da coste, pianure erbose, canali, grovigli di mangrovie e recessi più profondi noti come buche. Cerca l’acqua in movimento che si trova nelle foci dei torrenti, nei fiumi e dove si incontrano acque poco profonde e profonde. Anche le strutture per la pesca come alberi morti, mangrovie e ostriche sono buone idee. E mentre molti pescatori pensano alle specie di acqua salata che possono catturare, c’è una sorpresa; il parco ha anche fiumi e insenature d’acqua dolce, il che significa persico trota e orata. Saltare un tarpon al mattino e catturare spigole e orate nel pomeriggio mi sembra una buona giornata.

Ci sono un numero enorme di guide che pescano in tutto il parco e il campeggio è disponibile tutto l’anno. 108 siti si trovano presso il Centro visitatori Ernest F. Coe e 234 siti e servizi vicino a Flamingo. Se stai cercando una vera esperienza nella natura selvaggia, ci sono i chickees che sono piattaforme costruite su pali e ricoperte da tetti. I canoisti o i diportisti di solito montano tende sui pulcini.

Quest’anno aggiungi il Parco nazionale delle Everglades alla tua lista dei posti dove pescare. Sarai felice di averlo fatto.


Potrebbe piacerti anche

Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *