Perché i gatti non capiscono il no?

Summer spiega perché i gatti non capiscono di no e offre alcuni suggerimenti per aiutare a scoraggiare comportamenti scorretti.

Forse hai notato che i gatti hanno problemi con la parola no. Sembra essere qualcosa che non capiscono. E hai ragione, in un certo senso. No, almeno quando lo dicono gli umani, spesso ha poco significato per noi! Quando dici di no al tuo gatto, ecco cosa sentono:

  • L’umano non vuole che lo faccia. Così?
  • L’umano pensa di potermi dire cosa fare. Quindi farei meglio a fare di più di ciò che li infastidisce!
  • L’umano è davvero arrabbiato per quello che sto facendo! Sarà meglio che me ne vada e torni più tardi quando non ci sono.
  • Eh? Ho sentito qualcosa? Non credo.

Puoi dire che niente di tutto questo si aggiunge al gatto che interrompe qualunque cosa stiano facendo, tranne forse brevemente? Questo perché non ti stai avvicinando a niente di sbagliato quando si tratta di gatti. Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti con le tue capacità di comunicazione gatto-umano.

Ammettilo: non sei il capo del tuo gatto

Non importa quanto ci provi, non puoi mai veramente esercitare il dominio su un gatto. I cani accetteranno un dittatore benigno. Ma i gatti, sebbene possano amarti e dipendere da te per i loro bisogni primari, non hanno padrone. Quindi se il tuo no viene dal fatto che ti aspetti che il tuo gatto obbedisca solo perché sei l’umano e sei più grande e paghi l’affitto, onestamente, a loro non importa.

Pensa prima di te no

I gatti, ovviamente, non capiscono il linguaggio. Il che in realtà è una buona cosa perché significa che parliamo tutte le lingue! Ciò che comprendiamo è l’intento e l’inflessione. Comprendiamo ciò che gli umani dicono dal loro tono di voce. E con il nostro fine senso dell’udito, otteniamo inflessioni che potresti anche non renderti conto che stai cedendo. Sanno se stai dicendo di no perché sei arrabbiato con loro – e sanno anche se stai dicendo di no perché sei onestamente spaventato per la loro sicurezza. Ma devi essere molto chiaro.

È qui che entra in gioco il pensiero. Devi mettere il giusto tipo di pensiero e sentimento dietro il tuo no. Se sei isterico, eccessivamente emotivo o hai un impeto di rabbia, questo annullerà il no. Il tuo gatto reagirà all’emozione, non al tuo desiderio. Ecco perché un gatto torna per continuare a fare le cose che gli hai detto di non fare. Non capiscono perché li hai fermati e semplicemente non vogliono farti arrabbiare.

Quindi assicurati che il tuo no sia fermo, coerente e relativamente privo di emozioni. Il tuo punto sarà più chiaro.

No di solito dovrebbe essere accompagnato da opzioni

Dire semplicemente di no non è sufficiente per un gatto. Vogliono sapere cosa c’è dentro per loro. Quindi dai loro qualcosa di meglio o di più interessante della cosa che stanno facendo e che tu non vuoi. Uno dei motivi principali per cui il tuo naso cade nel vuoto è perché non dai al tuo gatto qualcosa di meglio da fare. Migliore può significare posizione, comfort, privacy o qualsiasi altra cosa specifica della situazione. Conosci le preferenze del tuo gatto e questo ti darà alcune idee.

Accompagna il no con lo scoraggiamento

I gatti fanno cose che non ti piacciono perché ci trovano piacere o perché sono stressati. Se è il primo, rendi la cosa o l’azione meno piacevole. Coprire o aggiungere del nastro adesivo ai divani e rendere i banconi posti scomodi e sgradevoli in cui camminare sono due soluzioni comuni. Questi metodi funzionano meglio quando sono accompagnati da opzioni. I gatti non vivono nel vuoto: porta via qualcosa e devi sostituirlo con qualcosa di valore uguale o migliore.

A volte non è necessario essere accompagnati rimuovendo qualcosa

Ci sono solo alcune cose che il tuo gatto non smetterà di fare senza intervento. Non puoi aspettarti di lasciare la carne sul bancone senza dover scacciare il tuo gatto ogni pochi minuti. O il cibo dovrà essere messo fuori dalla portata del gatto, o il gatto dovrà essere messo da qualche parte finché la carne non sarà conservata.

Stessa cosa con situazioni come masticare cavi elettrici. ecco a cosa servono le protezioni per cavi e le sicure per bambini. Se qualcosa è un pericolo per un gatto, è meglio aggiungere misure di sicurezza piuttosto che fare affidamento su di esse per sapere che no significa no.

Come puoi vedere, no significa niente per un gatto. Devi accompagnare quel no con molta riflessione, azione e risoluzione dei problemi. Se impari a capire il tuo gatto e perché sta facendo quello che fa, sorprendentemente, imparerà a capire molto meglio il tuo no!

Altri post che ti piaceranno:

* * *


Calendario da parete mensile dell'estate 2023
È uscito il mio nuovo calendario 2023!
Prendilo qui

Dai un’occhiata al resto del merchandising di Summer da lei il suo Zazzle Designercat Shop

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *