Pesce divertente

Una volta in autunno sono sceso sul retro di una baia vicino a casa mia. Era vicino alla bassa marea e io e mia moglie stavamo andando a scavare un cesto di quahogs per cena. A una dozzina di metri circa ho visto un mucchio di mosche che sciamavano intorno e mi sono avvicinato e ho trovato un pesce luna oceanico.

Il pesce luna oceanico era un po’ peggio per l’usura. I pesci luna oceanici si nutrono di meduse e, in base alle loro enormi dimensioni, hanno bisogno di mangiare molto ogni giorno per mantenere la loro forma. Nella sua ricerca di una pancia piena, questo doveva aver seguito le gelatine in alto nei letti d’erba quando la marea era alta, e poi essere rimasto un po’ troppo a lungo.

Abbiamo notato alcune cose quando abbiamo ispezionato da vicino questo pesce piuttosto straordinario. La prima era la sua stazza colossale. Se guardi nell’angolo in alto a sinistra vedrai un paio di piedi. Quelle dimensioni 11 appartengono a me e se le confronti con il resto del pesce puoi apprezzare le dimensioni e la portata del pesce. La seconda parte molto interessante era che questo pesce senza coda aveva una faccia che sembrava assomigliare a quella di un vecchio. C’era un paio di occhi pronunciati, un naso e una bocca arrotondata. La maggior parte dei pesci assomiglia a dei pesci, ma questo era diverso.

Li vediamo quando l’oceano si scalda e le gelatine sono in buona concentrazione. Quando sto pescando al guado verso il tramonto e le loro pinne dorsali volano in alto fuori dall’acqua, penso che sia uno squalo che naviga da vicino. Le pinne si abbassano quasi alla stessa velocità con cui sono salite, e io mi rilasso e penso alla spigola e al pesce azzurro a portata di mano. Il pesce luna oceanico è sicuramente una creatura straordinaria.

E mi è venuto in mente che la maggior parte delle volte catturiamo dei pesci davvero belli, ma ogni tanto catturiamo o vediamo dei pesci che sono solo… beh… un po’ diversi.


Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *