Pratichi la pesca?

Cammineresti fino al primo tee di un campo da golf senza essere stato prima al campo pratica? Un giocatore di baseball entrerebbe nel box di battuta senza aver fatto almeno un po’ di pratica di battuta?

Ovviamente no. Allora perché nel mondo così tanti di noi vanno direttamente in acqua a pescare senza aver nemmeno considerato di praticare il nostro lancio?

Ok… è imbarazzante quando fai il casting per la strada davanti a casa tua, e il vicino passa di lì e chiede con un sorrisetto: “Hai preso qualcosa?”

Ma, credetemi, praticare i lanci paga i dividendi quando la pesca è davvero attiva. La precisione conta. E costruire la fiducia che puoi posizionare un’esca, un’esca o una mosca esattamente dove vuoi che vada, quando deve essere lì, è il fattore numero uno per essere un pescatore/pescatore di successo.

Ecco un paio di esercizi per aiutarti. Prendi dei secchi dal garage. Non hai secchi? Trova alcuni Tupperware dalla cucina. Non è consentito utilizzare Tupperware? Usa una scatola o un cartone (hai capito). Questi sono i tuoi obiettivi. Stabilisci tre o quattro bersagli e inizia a distanza ravvicinata, forse a 15 piedi di distanza. Usando una canna da spinning o casting, legare un’esca ponderata, meno l’amo. Ora esercitati a “lanciare” l’esca nei bersagli usando un movimento a pendolo controllato. Quello che stai davvero facendo è radicare una sensazione sia per la distanza che per la precisione nel tuo lancio. Alla fine, vuoi spostare quei secchi di bersagli a diverse gamme… 15 piedi… 22 piedi… 25 piedi… 30 piedi, ed essere in grado di sparare alle esche nei secchi, su richiesta, regolando la distanza man mano che procedi. E non c’è niente di sbagliato nel lanciare lunghi lanci in stile crankbait contro bersagli da distanze maggiori.

Per le persone che volano, la migliore pratica di lancio che posso consigliare si chiama “Forty Feet in Four Seconds”. Quattro bersagli, tutti a 40 piedi di distanza. Inizi in un punto centrale, con la mosca nella tua mano che non lancia. Hai un amico che chiama un bersaglio… “numero tre!” E hai quattro secondi per portare quella mosca dalla tua mano al bersaglio numero tre. Sembra semplice, ma non lo è. Gran parte della pesca a mosca consiste nel mettere la mosca nel posto giusto… ma se non puoi essere nel posto giusto al momento giusto, non importa.

Quindi dedica un po’ di tempo alla pratica. Anche 10 minuti di tanto in tanto faranno un’enorme differenza per la tua pesca. Quando non puoi effettivamente uscire in acqua, puoi comunque investire del tempo per essere un pescatore migliore.


Potrebbe piacerti anche

Debbie Hanson

Debbie Hanson

Debbie Hanson è una pluripremiata scrittrice all’aperto, sostenitrice della pesca sportiva femminile, detentrice del record mondiale IGFA e guida d’acqua dolce che vive nel sud-ovest della Florida. Il lavoro scritto di Hanson è apparso in pubblicazioni come Florida Game & Fish Magazine, BoatUS Magazine e USA Today Hunt & Fish. Per saperne di più sul suo lavoro, visita shefishes2.com o seguila su Instagram @shefishes2.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *