Preparati per la “stagione della canna”.

Gli aerei erano pensati per volare, le barche erano pensate per la navigazione. Sfortunatamente, la stagione degli uragani è il periodo dell’anno in cui è più probabile che vedremo volare una barca. Ecco alcuni suggerimenti per chiudere i boccaporti e mantenere la tua barca al sicuro.

La maggior parte delle persone si arrampica per le barche quando dovrebbero arrampicarsi per le polizze assicurative. Alcune polizze determinano specificamente quali danni copriranno, mentre altre richiedono una qualche forma di trasferimento della barca (il che significa trasportarla su un terreno più elevato).

Verifica con il tuo porto turistico per vedere cosa copriranno se un dito del molo dovesse finire sulla tua barca. E se richiedono che tutte le barche siano al traino.

Se la tua barca è su un rimorchio, assicurati che i tappi autosvuotanti scarichino correttamente. Alcuni navigatori che conosco fanno il contrario; abbassano la pressione dei pneumatici del rimorchio a circa 20 libbre e RIEMPONO parzialmente la loro barca con acqua. Mantengono il peso impedisce che venga sollevato da terra.

Decidi prima piuttosto che dopo. Se sei preoccupato, tira la tua barca e, se è abbastanza grande, noleggia una gru per trainarla. Se la tempesta ti manca, la tua barca è al sicuro. Se la tempesta ti colpisce, la tua barca è al sicuro. Vinci in entrambi i casi, ma assicurati di farlo prima piuttosto che dopo. Ci sono vecchi capitani, ci sono capitani audaci, ma non ci sono capitani vecchi e audaci.

Le coste vengono battute durante le tempeste, quindi se non puoi trainare la tua barca, naviga verso una baia protetta o risali un fiume. Ovviamente questa crociera dovrebbe essere effettuata con largo anticipo rispetto alla tempesta e scegliere un corso d’acqua che consenta il più possibile un ormeggio nell’entroterra.

Una volta lì, ancora la tua barca con non meno di quattro ancore, ognuna orientata nella direzione del vento. Assicurati che uno sia un’ancora di tempesta.

Se hai tempo, aggiungi una piastra di supporto alle tacchette in modo che non vengano tirate fuori dal forte vento. Per evitare che una linea di ancoraggio si sfilacci e si rompa, coprire i punti di usura con attrezzi antisfregamento. Prendi un pezzo di un tubo da giardino, taglialo nel senso della lunghezza e fallo scorrere sulla linea. Posizionalo in tutti i punti in cui il filo sfrega contro la barca e chiudilo con nastro adesivo. Lasciare accesa la pompa di sentina e chiudere tutti i serbatoi del carburante.

Considera di spostare la tua barca fuori dall’acqua. Le maree più alte del normale combinate con i venti possono far sbattere le dita del bacino in cima alle barche. Rimuovere tutti i documenti, la registrazione e l’elettronica. Rimuovere tutta l’attrezzatura. Sedie, stabilizzatori, vele, tutto ciò che non è attaccato.


Potrebbe piacerti anche

Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *