Preparazione per la stagione: gestione della linea

Molti di voi si stanno preparando per la prossima stagione di pesca (e alcuni di voi sono già saltati dentro con entrambi i piedi). Ovviamente, è importante controllare la tua attrezzatura quando ti prepari per la stagione. Sebbene alcune cose come canne, mulinelli e trampolieri siano oggetti naturali di attenzione, uno degli elementi più importanti dell’attrezzatura viene spesso trascurato e questa è la tua linea. Che tu stia pescando con la mosca o usando un’attrezzatura convenzionale, la lenza che usi può aiutarti a lanciare meglio. Una canna elegante e un mulinello high-tech non ti faranno molto bene se stai usando un vecchio filo logoro. E se ti capita di legare un grande pesce con una lenza debole… beh, sappiamo tutti il ​​triste finale di quella storia.

Ecco un paio di semplici consigli per controllare la tua linea.

Per le linee convenzionali in fluorocarbon, monofilamento o treccia, si desidera eseguire un test di “aspetto, sensazione e elasticità”. Ispeziona visivamente la tua linea per eventuali abrasioni o macchie settimanali. Dopo aver dato una bella occhiata, usa le dita per sentire gli strappi più piccoli e le superfici ruvide. Se la tua linea è masticata, vale la pena investire in una nuova per iniziare bene la stagione. Quindi dargli una bella tirata per raddrizzarlo (o nel caso della treccia, per testarne la forza). Se trovi che la tua linea si interrompe, è tempo di sostituirla. Se noti che è scolorito o non si avvolge sulla bobina in modo uniforme, probabilmente è anche il momento di sostituirlo.

Linee di volo: esegui gli stessi test di look and feel. Se sembrano a posto, vuoi comunque trattare la tua lenza strofinando un po’ di rivestimento della coda di topo su di essa con uno straccio o una spugnetta. Vuoi quella linea galleggiante liscia e che si muove in alto nell’acqua. Infine, e forse la cosa più importante per le linee di topo, allunga la tua linea, prima di eseguire il primo lancio. Cercare di lanciare una lenza piegata e usurata attraverso una canna da mosca è come cercare di spingere un cavatappi attraverso una cannuccia. Trova un oggetto fisso e legaci la lenza (o chiedi a un amico di interpretare il ruolo di pesce e di tenere l’estremità della lenza). Tira il filo finché non si raddrizza e non vedi più le torsioni e le curve.

Un ultimo suggerimento: non mi fido mai dei nodi dell’anno scorso. Anche se si sentono forti e hanno un bell’aspetto, ho l’abitudine di riallacciare i leader, di cambiare le connessioni e così via. Meglio pescare con nodi freschi su lenze di cui ti fidi che rendersi conto delle loro imperfezioni sull’acqua.


Potrebbe piacerti anche

Kirk Deeter

Kirk Deeter

Kirk Deeter è un editore generale di Field & Stream e ha co-scritto The Little Red Book of Fly Fishing con il compianto Charlie Meyers.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *