Quanti seguaci hai?

A volte i pescatori pescano troppo velocemente. I pescatori principianti possono correre a causa della mancanza di pazienza; i pescatori esperti possono correre a causa dell’eccessiva sicurezza. Se i pesci non colpiscono immediatamente, o all’interno di una zona di colpo percepita, molti pescatori corrono indietro l’esca per lanciare di nuovo.

Molte specie di pesci, d’acqua dolce o salata, seguiranno un’esca o un’esca prima di decidere di colpire o meno. Stai attento e dai a ogni cast la possibilità di dirti qualcosa.

Se i pesci stanno colpendo vicino alla riva ma non sei riuscito ad attirare un colpo quando indietreggi, ferma rapidamente il recupero proprio sulla barca. Questa brusca caduta, o un’ultima contrazione, possono portare a un colpo. Il pescatore Bassmaster Elite Byron Velvick crede che “i pesci sembrano percepire la presenza della barca e si rendono conto che questa è la loro ultima possibilità”.

Un altro pescatore d’élite, Brandon Palaniuk, usa la transizione da acque profonde a acque poco profonde come un modo per attivare i bassi per colpire un crankbait prima che “scappi”. Se si recupera da poco profondo a profondo, il basso può seguire e prendere il loro tempo, forse troppo, per decidere se l’esca è degna di un colpo.

Con ogni cast, guarda dietro l’esca. Potresti rilevare un’immagine scura o una leggera scia di un seguace. Se i tuoi occhi sono già in alto, per decidere un obiettivo per il prossimo lancio, potresti perdere un’occasione per attirare quel seguace, o perdere il vortice quando sollevi l’esca dall’acqua.

Anche se amo un pesce e lo stai tirando dentro, guarda dietro a quel pesce. Spesso altri pesci seguono questa attività. Un rapido rilascio o un compagno di pesca attento potrebbe essere in grado di catturare anche questo pesce “acceso”.


Potrebbe piacerti anche

Andy Whitcomb

Andy Whitcomb

Andy è uno scrittore all’aperto (http://www.justkeepreeling.com/) e papà stressato ha contribuito con oltre 380 blog a takemefishing.org dal 2011. Nato in Florida, ma cresciuto sulle rive degli stagni delle fattorie dell’Oklahoma, ora insegue lucci, spigole e steelhead in Pennsylvania. Dopo aver conseguito una laurea in zoologia presso l’OSU, ha lavorato in incubatoi ittici e come tecnico di ricerca sulla pesca presso l’OSU, Iowa State e Michigan State.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *