Riposa e ricarica

C’è una sorprendente quantità di strategia nella pesca nei tornei di più giorni. Non basta trovare un buon posto con il pesce cooperativo; devi trovare 3 o 4 giorni di cinque bassi pesanti da pesare. Ciò può significare frequenti gite in barca per individuare più spot, o se la pesca è così buona sia in quantità che in qualità, il pescatore può provare a gestire quella posizione per l’intero evento.

Quando catturi un pesce grosso, vuoi prenderne un altro. E un altro. Alla fine, il pesce potrebbe smettere di mordere e devi provare una nuova area. A volte la cattura del pesce attira più pesci nell’area; a volte l’attività spaventa altri pesci. Molto dipende da fattori quali profondità, copertura e periodo dell’anno.

Ecco come alcuni dei professionisti gestiscono le loro zone di pesca calde, non solo durante il giorno ma in più eventi di un giorno. Questa consapevolezza dell’attività dei pesci può aiutare il pescatore ricreativo o anche il principiante.

Il pescatore professionista FLW Dave Wolak tiene conto dei movimenti stagionali e cerca sempre luoghi che si ricaricano con i bassi, non dove stanno andando i pesci. Se il pescatore professionista Richard Howes trova un posto del genere, potrebbe non lasciarlo mai. Sarebbe rimasto in quella zona per evitare di perderla ad altri pescatori da torneo che avrebbero potuto trasferirsi. Ma non avrebbe pescato tutto il tempo, forse avrebbe mangiato un panino e avrebbe lasciato riposare il punto. Kevin VanDam ha vinto il suo terzo Bassmaster Classic non lasciando mai una piccola baia in 3 giorni.

Se il professionista Richard Howes trova un punto caldo, potrebbe non lasciarlo mai.

Chris Lane, ex campione di Bassmaster Classic, ha parlato di aree speciali a Lake Guntersville che erano piccole, “delle dimensioni di due tavoli da pranzo”. Ha stimato un’ora di riposo per questi fantastici luoghi di pesca. Ma quel tempismo dipende. Ha detto che in qualche modo deve “sentirlo”.

Il tempo di ricarica del pescatore Bassmaster Elite Todd Faircloth è di circa 30 minuti, soprattutto se sta ancora pescando nello stesso quartiere. Per decidere se rimanere, partire o tornare, Bill Lowen tiene conto delle “finestre” di opportunità come cambiamenti di temperatura, vento o nuvolosità. Randy Howell, vincitore del Bassmaster Classic di quest’anno, ha pescato nella stessa zona tutti e tre i giorni, ma non ha trovato il colpo fortunato fino all’ultimo giorno, forse perché l’acqua continuava a essere calda e limpida.


Potrebbe piacerti anche

Andy Whitcomb

Andy Whitcomb

Andy è uno scrittore all’aperto (http://www.justkeepreeling.com/) e papà stressato ha contribuito con oltre 380 blog a takemefishing.org dal 2011. Nato in Florida, ma cresciuto sulle rive degli stagni delle fattorie dell’Oklahoma, ora insegue lucci, spigole e steelhead in Pennsylvania. Dopo aver conseguito una laurea in zoologia presso l’OSU, ha lavorato in incubatoi ittici e come tecnico di ricerca sulla pesca presso l’OSU, Iowa State e Michigan State.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *