Scopri perché la pesca eccessiva è un problema che dobbiamo risolvere

Andiamo a pescare per pescare e quando ci colleghiamo ci piace tenerne un po’ da mangiare. Ma in alcune zone del paese non riusciamo a trovare pesce, e ciò è spesso dovuto alla pesca eccessiva.

Ma cos’è esattamente la pesca eccessiva? La pesca eccessiva sta catturando troppi pesci contemporaneamente in modo che la popolazione riproduttiva diventi troppo esaurita per riprendersi. La qualità dell’acqua può essere un vero problema, ma il motivo principale di solito riguarda il complesso regno della gestione della pesca. In tutto il mondo, molte attività di pesca sono regolate da regole che aggravano il problema. Alcuni non hanno regole.

Anche noi siamo parte del problema, perché mangiamo il doppio del pesce rispetto a 50 anni fa! Questa domanda fa sì che il 30 percento della pesca in tutto il mondo venga spinto troppo oltre. Nelle mie acque domestiche dell’Atlantico nord-orientale, ad esempio, il 39% delle specie è sovrasfruttato.

Ecco quattro problemi di gestione che rendono difficile e stimolante trovare un equilibrio.

1. La pesca a strascico cattura i pesci ma distrugge il fondo dell’oceano. Reti pesanti del peso di diverse tonnellate ciascuna strappano il fondo e spostano coralli, spugne e altra vita sensibile del fondale marino.

2. Problemi di pesca con catture accessorie. Bycatch è un termine del settore della pesca per quando le specie ittiche vengono catturate accidentalmente mentre si pescano altri pesci bersaglio. Il problema nel prendere di mira una specie con pescherecci da traino o dragster è che spesso catturano altre specie essenziali per la catena alimentare. Nel momento in cui il bottino viene smistato, gran parte del pescato muore e quindi altera la normale catena alimentare. Vengono danneggiati tartarughe, delfini, uccelli, squali e persino altri pesci.

3. Predatori dell’apice. Negli ultimi 50 anni, il 90% dei principali predatori oceanici come squali, tonno rosso, pesce spada, marlin e sgombro reale è stato raccolto. Non è questo il problema, ma il problema si presenta quando c’è una popolazione troppo numerosa di pesci più piccoli e mangiatori di plancton che mette fuori uso il resto dell’equilibrio.

4. La pesca eccessiva si verifica da centinaia di anni. C’erano i raccolti di balene selezionate nel 1800 per il grasso per l’olio da lampada e quelli a metà del 1900 per il merluzzo dell’Atlantico e l’aringa. A un certo punto, le sardine della California furono quasi estinte.

Trovare una soluzione per la pesca eccessiva è fondamentale. Possiamo aiutare attraverso la cattura e il rilascio e limitando il numero di pesci che raccogliamo. Essere coinvolti in gruppi di conservazione e programmi di ricerca è un altro ottimo modo per aiutare.


Potrebbe piacerti anche

Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *