Suggerimento per la pesca: rallentare per il successo

Come scrittore di pesca, ho avuto la fortuna di collaborare con molti grandi pescatori. Mentre ognuno ha i propri trucchi e suggerimenti, l’unico tratto comune che noto tra i migliori pescatori e pescatori – dai laghi bassi, ai fiumi di trote, alle pianure di acqua salata – è che nessuno di loro pesca mai come se fosse in un fretta.

Persino il pro di BASS Mike Iaconelli, che sembra guidato da un’energia frenetica, e nei tornei spesso gareggia letteralmente contro il tempo, lavora con uno scopo deliberato quando è alla ricerca del denaro.

Ci sono alcuni motivi molto pratici per rallentare le cose quando si pesca. Passo molto tempo a fare immersioni con i pesci (spigola, luccio, trota, ecc.) e a osservare come si comportano quando le persone lanciano su di loro. Qual è il fattore numero uno che spaventa un pesce? Ombre e/o movimenti improvvisi dall’alto. Dicono ai pesci che un predatore si trova nelle vicinanze e li mandano a nuotare per ripararsi. Un altro fattore che scoraggia i pesci è il suono, che viaggia rapidamente attraverso l’acqua. Gli stivali che raschiano lungo il fondo roccioso di un fiume, i rumori rumorosi di un peschereccio in alluminio e così via, feriscono solo le tue possibilità.

Il che ci riporta al punto di rallentare le cose. Ombre, movimenti improvvisi e rumori forti sono spesso il risultato della fretta di un pescatore. La fretta esaurisce anche le capacità del pescatore di fare lanci precisi e presentazioni allettanti, sia che stiano pescando con la mosca, lanciando esche vive o lanciando esche.

La prossima volta che vedi un pesce nell’acqua… per quanto tu voglia precipitarti dentro e provare un cast, fatti un favore e rallenta. Conta fino a “Five-Mississippi”, canticchia “America the Beautiful” a te stesso, qualunque cosa… fai solo qualcosa per mettere i freni mentali. Poi esamina la situazione. Considera la posizione del sole (dove cadranno le ombre?). Cerca eventuali ostacoli (come deadfall, rocce, pile di banchine) che potrebbero influenzare il cast e combattere. Quindi crea il tuo cast.

Se quel pesce si muove in un modo che ti fa sentire affrettato a fare un cast, è probabile che non ci sia nulla che tu possa fare per farlo mangiare comunque. Tu controlli il tempo. Quindi muoviti lentamente, più deliberatamente e con più equilibrio e scopo, e ne catturerai molti.


Potrebbe piacerti anche

Kirk Deeter

Kirk Deeter

Kirk Deeter è un editore generale di Field & Stream e ha co-scritto The Little Red Book of Fly Fishing con il compianto Charlie Meyers.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *