Superare in astuzia il pesce di stato ufficiale del New Mexico

Da quasi ogni punto della mia casa nella contea di Santa Fe, ho la vista più fortunata delle montagne del Sangre de Cristo. È qui che iniziano le Montagne Rocciose nel New Mexico. Mentre scrivo, il giorno si fonde con la notte, quel periodo in cui le Muse visitano pittori e poeti.

Un’imponente nuvola temporalesca di settembre dalla testa di incudine assume il colore di un’anguria su Santa Fe Baldy e Hamilton Mesa. Il bordo curvo della nuvola che sfiora le cime delle montagne sembra una velata tenda color lavanda mossa dal vento attraverso una finestra aperta.

L’umidità estratta da questa commovente opera d’arte colpisce i ripidi pendii oscuri delle montagne, addolciti dagli aghi verdi e blu di pini, abeti e abeti rossi. L’acqua scorre attraverso fessure di granito grigio mentre gocciola in discesa. La pioggia penetra nei rivoli e poi nei ritos con nomi come Azul, Padre, Valdez e Chimayosos. Questi rumorosi ruscelli acciottolati genereranno presto i Pecos veri e propri, ma prima che lo facciano le loro acque si fermano in pozze scure sotto l’ombra fresca degli ontani allampanati le cui radici annodano la riva del torrente. Questo è l’habitat della trota spietata del Rio Grande.

La trota spietata del Rio Grande prende il nome dalla spruzzata di cremisi sotto le branchie e per il fatto che si trova solo nell’omonimo bacino del fiume. Nella primavera dell’anno, i maschi riproduttori sono inondati di rosso sopra la testa e il petto. È incredibile, come se fossero intrisi di sangue.

Sotto queste nuvole di settembre, i pesci giacciono lì, pinneggiando negli stagni, mentre le fresche bagnano su di loro all’ombra dei tronchi di ponderosa che sono caduti nel ruscello. Oppure giacevano sul bordo di un masso coperto di licheni in un vortice appena oltre uno scivolo d’acqua schiumosa in attesa che una cavalletta, un tricottero o una falena goffa svolazzassero troppo vicino.

Con un dardo e un rotolo, un insetto diventa cibo. Questo a meno che quell’insetto non sia un sosia, semplice pelliccia e piume che adornano un minuscolo amo senza ardiglione.

Uno strattone e un tonfo, e in un attimo, posso vedere il mio riflesso sul fianco luccicante di una trota e sentirla flettere i muscoli freddi nella mia mano bagnata mentre scivola di nuovo in acqua con un salto della coda brulicante di macchie come grani di pepe.

È un desiderio persistente: ingannare la trota spietata nell’alta campagna, specialmente con i miei figli, è uno dei miei passatempi preferiti. Non mi sento mai più vivo; Sono un partecipante alla natura e non un semplice osservatore. Questi minuscoli ruscelli delimitati da cespugli e massi richiedono furtività, attenzione e una certa determinazione. L’esperienza affina i tuoi sensi e ti schiarisce la testa, come il filo interdentale per la tua psiche. Mi ritrovo a pensare che non sto pensando affatto.

È anche fisicamente impegnativo. Un mio amico ha paragonato la pesca in acque spietate allo yoga durante il casting. Ci vuole un po’ di lavoro per infilare un arco sotto gli ontani sporgenti da dietro un masso appoggiato su un gomito. Molti torrenti spietati nella parte superiore di Pecos come altrove nel New Mexico sono in genere piccoli e non ben visitati. Farai il tuo percorso su rovi e massi e attraverso macchie di spinosi lamponi selvatici adeguatamente colorati come la gola di una trota.

Le trote non crescono in acque piccole, ma quando prendo un tagliagole mi sento come un uomo che ha appena trovato un sacco di soldi. Ogni pesce è decorato in modo unico con una costellazione di punti neri che giacciono sullo sfondo di un pallet di vernice, preso in prestito da un’alba di settembre accessoriata con le nuvole a brandelli e rimaste la scorsa notte.

La trota spietata del Rio Grande è il pesce ufficiale dello stato del New Mexico e detiene il primato di essere la prima trota documentata nel Nuovo Mondo. Nel 1541, mentre l’entrada del Coronado passava vicino a Pecos Pueblo, un cronista notò che i trucha nuotavano in giro.

Ora, 477 anni dopo, la gamma nativa della trota è molto ridotta, ma offre ancora notevoli opportunità di pesca che non si trovano da nessun’altra parte.

Una partnership tra il programma di ripristino della fauna selvatica e dei pesci sportivi del Servizio di pesca e fauna selvatica degli Stati Uniti e il Dipartimento di selvaggina e pesce del New Mexico si sforza di moltiplicare queste opportunità attraverso sforzi di conservazione basati sulla scienza. Questi sforzi sono finanziati attraverso la vendita di licenze di pesca e attraverso le tasse pagate su canne da pesca e attrezzatura, motori elettrici e carburante per piccoli motori e motoscafi. Il finanziamento consente ai biologi della trota spietata del Rio Grande di rinnovare i corsi d’acqua ed espandere le popolazioni, mantenere uno stock di covata da incubatoio rigoroso e sano, garantendo la purezza genetica e il futuro di questa trota autoctona del sud-ovest.


Potrebbe piacerti anche

Craig Springer

Craig Springer

Biologo ittico, Affari Esteri, US Fish and Wildlife Service – Regione sud-ovest

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *