Trova l’esca prima che trovi te

Sono appena tornato dal Bassmaster Classic, che si è tenuto a Shreveport, LA. Durante l’Expo, ho imparato alcuni trucchi in alcuni seminari e sono tornato con alcuni prodotti innovativi per la pesca. Mi chiedo già come sono mai andato d’accordo con loro.

Uno in particolare che ha catturato la mia attenzione è stato un organizzatore di esche che utilizza potenti magneti per tenere le cose in posizione, invece delle più tradizionali clip, schiuma o fessure. Si chiama Gear Grabbar. E se fai penzolare un set di ganci di un’esca vicino al magnete, si blocca in posizione. C’è anche un posto dove conterrà le pinze a becchi lunghi e anche il ripiano superiore è magnetizzato per la sicurezza della barca, fissando altri ganci, moschettoni e girelle assortiti o maschere anche durante le gite in barca agitate.

I miei figli purtroppo hanno ereditato parte della mia incapacità di localizzare gli oggetti fuori posto. Ma questo dispositivo rende l’organizzazione delle esche, beh, un po’ divertente. Ora stanno combattendo per vedere chi riuscirà a far scattare le esche al loro posto. (Potrebbero tutti i loro giocattoli essere di metallo?)

L’efficienza è una parte importante del viaggio di ogni pescatore. Non mi sembra mai di avere abbastanza tempo in acqua e, mentre sono lì, non voglio perdere tempo e spaventare i pesci scavando rumorosamente e spostandomi alla ricerca di pinze, esche o ami lasciati cadere in fretta.

Il Gear Grabbar ora tiene strategicamente le mie esche “go-to”, armate e pronte, piuttosto che parte di un pasticcio confuso (o arte moderna) da liberare. E forse, solo forse, mi sono seduto sulla mia ultima esca.


Potrebbe piacerti anche

Andy Whitcomb

Andy Whitcomb

Andy è uno scrittore all’aperto (http://www.justkeepreeling.com/) e papà stressato ha contribuito con oltre 380 blog a takemefishing.org dal 2011. Nato in Florida, ma cresciuto sulle rive degli stagni delle fattorie dell’Oklahoma, ora insegue lucci, spigole e steelhead in Pennsylvania. Dopo aver conseguito una laurea in zoologia presso l’OSU, ha lavorato in incubatoi ittici e come tecnico di ricerca sulla pesca presso l’OSU, Iowa State e Michigan State.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *