Trucchi e consigli per la pesca

Una delle principali differenze tra i pescatori professionisti e quelli ricreativi è il numero di trucchi di pesca e le punte nella manica. I professionisti pescano in base a modelli e metodi e quell’approccio porta a una maggiore comprensione del loro ambiente e della loro preda. Che tu stia cercando spigole, crappie, trote, spigole o altre specie, cambia il tuo approccio da uno incentrato sul mettere i pesci nella barca a uno sull’osservazione e il riconoscimento dei modelli. Così facendo ti ritroverai con un’asta piegata il più delle volte.

Periodo dell’anno: la stagionalità gioca un ruolo importante nella pesca. Nelle mie acque domestiche, l’aringa maschio si sposta dall’acqua salata ai fiumi d’acqua dolce durante la luna piena di marzo. Le femmine si trasferiscono con la luna piena ad aprile. Iniziano la danza dell’accoppiamento che li porta in modalità di deposizione delle uova. Dopo che l’aringa femmina si è spostata nei fiumi, il branzino striato è indietro di alcune settimane. Questo schema si verifica ogni anno, ed è per questo che i pescatori esperti colpiscono i fiumi di acqua salata che hanno origini di acqua dolce. Non perdere tempo a pescare sulle rocce, sulle sporgenze o sulle isole costiere. La spigola si trasferirà lì a giugno per le temperature più fresche e per le aragoste che muoiono, ma a maggio colpirà i fiumi. Come si svolge il periodo dell’anno nella tua zona?

Segui il cibo: gli insetti nei torrenti e nei fiumi delle trote si schiudono in un particolare periodo dell’anno. Gli Hendrickson emergono durante il piacevole momento della giornata di fine aprile o inizio maggio nella maggior parte dei fiumi della mia zona. Le ninfe sono attive al mattino. Il portello inizia intorno a mezzogiorno e dura fino alle 15:00 circa, quindi hanno trascorso i filatori a cadere al tramonto. Per tutta la stagione un portello si chiude mentre un altro inizia. Conoscendo il ciclo di vita degli insetti sarai in grado di inserire i predatori. Qual è il modello di insetti ed esche nella tua zona?

Corri e spara contro attaccare il terreno: alcuni pescatori cambiano spesso punto, mentre altri preferiscono rimanere in uno o due punti. È normale che i pescatori di successo tornino in un punto in cui hanno catturato il pesce l’ultima volta, ma quando le condizioni cambiano, anche il tuo approccio deve farlo. Quando i bassi si generano, ha senso spostarsi frequentemente finché non trovi dove l’attività è calda. Assicurati quindi di prendere nota del periodo dell’anno, delle condizioni e della posizione e di impostarlo per il prossimo anno. Quando la temperatura dell’acqua aumenta, non andare nelle secche per i bassi; invece, dirigiti verso acque più profonde e più fresche. Prendi nota di quando il pesce si muove e aggiungilo alla tua lista. Di sicuro svilupperai un modello di pesce.

Testa diverse teorie: una volta che hai individuato uno schema e catturi regolarmente pesci, prova qualcosa di diverso. Esplora una nuova area, usa una nuova tecnica, esca o esca e vedi se funziona. Molte volte non sarai all’altezza, ma quando lo avrai fatto alla grande guadagnerai informazioni inestimabili che eleveranno il tuo livello di gioco.


Potrebbe piacerti anche

Tom Keer

Tom Keer

Tom Keer è uno scrittore pluripremiato che vive a Cape Cod, nel Massachusetts. È editorialista di Upland Almanac, collaboratore della rivista Covey Rise, collaboratore sia di Fly Rod and Reel che di Fly Fish America e blogger per il programma Take Me Fishing della Recreational Boating and Fishing Foundation. Keer scrive regolarmente per oltre una dozzina di riviste all’aperto su argomenti relativi alla pesca, alla caccia, alla nautica e ad altre attività all’aperto. Quando non stanno pescando, Keer e la sua famiglia cacciano uccelli di montagna sui loro tre setter inglesi. Il suo primo libro, a Fly Fishers Guide to the New England Coast, è stato pubblicato nel gennaio 2011. Visitatelo a www.tomkeer.com o a www.thekeergroup.com.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *