Uno strumento di conservazione e gestione

Per aiutare a conservare e gestire una pesca, i biologi utilizzano una varietà di metodi di campionamento scientifico per raccogliere dati come sciabiche, reti da trappola e pesca elettrica. Lo sforzo del pescatore e il tasso di cattura sono un altro aspetto importante della conservazione del pesce e della gestione della pesca e un’indagine sulle nasse può fornire alcune informazioni preziose.

Gestione della pesca migliorata dalle risposte dei pescatori

Un’indagine sulla cantra consiste nell’intervistare i pescatori sul loro successo nella pesca per la giornata. Questo può essere realizzato a terra, in barca, in punti di accesso come rampe per barche o anche sul ghiaccio. L’intervistatore cerca di ridurre al minimo qualsiasi inconveniente per il pescatore e disturbo della pesca. Alcune delle informazioni raccolte possono includere: specie mirate, pesci rilasciati, lunghezza e quantità effettive del pesce raccolto e distanza percorsa da quel corpo idrico. Inoltre, verranno registrati la posizione del punto di pesca sull’acqua, il tempo, la data e l’ora del giorno.

Queste informazioni sono abbinate ai dati del campionamento scientifico e utilizzate dalla direzione della pesca per aiutare a definire le normative. Per migliorare una pesca, i regolamenti possono essere modificati per migliorare la qualità del pesce. Ad esempio in Pennsylvania nel 1996, il limite di lunghezza per il persico trota e il muskellunge era rispettivamente di 12 “e 30”. Quasi 20 anni dopo, gli attuali limiti di lunghezza per queste specie sono 15” e 40”. Alcune modifiche al regolamento potrebbero riguardare la quantità, ad esempio il numero di trote che possono essere allevate ogni giorno è stato ridotto da 8 a 5. Inoltre, alcune specie potrebbero richiedere adeguamenti a entrambi i regolamenti come con il pickerel che è passato dal limite di lunghezza di 15 pollici, 6 al giorno fino a 18” limite di lunghezza, 4 al giorno, nello stesso periodo.

Dati di indagine chiave per la conservazione dei pesci

La popolazione ittica varia naturalmente nel tempo e in una certa misura, così come gli obiettivi dei pescatori di area. Continuando a raccogliere dati sia dal campionamento scientifico che dalle indagini sui pescatori, i biologi della pesca proteggono una popolazione ittica sostenibile pur preservando i sorrisi dei pescatori. Hai partecipato a un sondaggio cantra?


Potrebbe piacerti anche

Andy Whitcomb

Andy Whitcomb

Andy è uno scrittore all’aperto (http://www.justkeepreeling.com/) e papà stressato ha contribuito con oltre 380 blog a takemefishing.org dal 2011. Nato in Florida, ma cresciuto sulle rive degli stagni delle fattorie dell’Oklahoma, ora insegue lucci, spigole e steelhead in Pennsylvania. Dopo aver conseguito una laurea in zoologia presso l’OSU, ha lavorato in incubatoi ittici e come tecnico di ricerca sulla pesca presso l’OSU, Iowa State e Michigan State.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *