Valzer con pesce vela

Non mi definirei un appassionato pescatore, ma vengo da una lunga stirpe di pescatori. Nella mia famiglia la pesca è un rito di passaggio. La mia eredità è iniziata sul lago Erie. Mi sono imbattuto in un walleye lì da giovane e ho continuato a pescare nelle Florida Keys, dove sono cresciuto esplorando le acque incontaminate e le distese erbose con mio padre, una guida di pesca di appartamenti.

Nonostante le nostre differenze, ci siamo sempre divertiti a pescare insieme. Ma anche essere la figlia di un capitano comporta una certa pressione. Non voglio mai deludere papà perdendo il set di ganci, spezzandomi la lenza o creando un nido per uccelli. Suppongo che una parte sia solo nel mio DNA. Nel 2002, ho viaggiato con i miei genitori a Quepos, in Costa Rica, per catturare il pesce vela del Pacifico. Ero nel bel mezzo di un divorzio e questo viaggio doveva essere una pausa rinfrescante. Si è rivelata una nuova sfida. Il primo giorno, ho catturato due pesci vela – di buone dimensioni – ma a metà dell’avvolgimento in ciascuno, ho dovuto sedermi sulla sedia da combattimento della barca per completare la cattura.

Il capitano e l’equipaggio, tuttavia, mi avevano addolorato per aver usato la sedia. “Oh, andiamo”, hanno scherzato, “i veri pescatori non hanno bisogno della sedia da combattimento!” In genere, tiri su la canna e la abbassi mentre muovi il gioco, cosa che avevo praticato per tutta la vita. Ma non avevo mai pescato nulla di grosso come me prima, e chiaramente i miei muscoli non riuscivano a tenere il passo. Muscoli della schiena che bruciavano e facevano male per il dolore, non vedevo nessun’altra opzione. Non è a questo che serve la sedia da combattimento, dopo tutto?

Quella sera a cena, tuttavia, il buon amico di mio padre (anche lui capitano di pesca) mi ha dato quello che si è rivelato essere un consiglio vincente che mi avrebbe tenuto fuori dalla sedia: camminare all’indietro invece di tirare su la canna, e poi camminare in avanti mentre barcollando nel gioco, per tutto il tempo mantenendo il mio corpo eretto. Sarebbe come un valzer, una specie.

Così, quando la mia sveglia è suonata alle 5:30 del mattino successivo, sono rotolato giù dal letto, ho indossato la mia maglietta da pesca e ho incontrato i miei genitori e i loro amici per un caffè caldo, gallo pinto e platani fritti prima di salire a bordo del pescatore sportivo di 46 piedi questo ci porterebbe a 25 miglia al largo. Il caldo intenso e l’umidità riempivano l’aria, ma la bellezza dell’ambiente la oscurava, e mi sono divertito a guardare le montagne scomparire all’orizzonte mentre ci dirigevamo verso il mare. Spuntato e determinato, ero pronto a provare la mia nuova tecnica. Devo ammettere che era ridicolo ballare il valzer con un pesce, ma ha funzionato. In piedi, armato solo di una cintura da pesca e di determinazione, ho ballato con un bellissimo pesce vela del Pacifico di 120 libbre.

A volte, pensavo che il pesce mi avrebbe tirato in acqua. Ci sono voluti ogni briciolo di equilibrio, forza ed emozione repressa che avevo per tirarlo dentro. Ma quando l’ufficiale ha afferrato il becco, ha sganciato il pesce e lo ha rilasciato per combattere un altro giorno, mi sono sentito come se entrambi avessero una seconda possibilità. La mia rinnovata eccitazione per la pesca alla fine mi ha procurato un lavoro per reclutare nuovi arrivati ​​in questo sport. Ora lavoro per aiutare le persone a capire che a volte la pesca riguarda la pesca. Spesso si tratta di connettersi con la famiglia e gli amici, essere nella natura e ricaricarsi. E a volte può essere anche di più.

Credito: USA TODAY Rivista Hunt & Fish


Potrebbe piacerti anche

Stefania Vatalaro

Stefania Vatalaro

Stephanie Vatalaro è vicepresidente delle comunicazioni per la Recreational Boating & Fishing Foundation e le sue campagne Take Me Fishing e Vamos A Pescar, dove lavora per reclutare nuovi arrivati ​​alla pesca ricreativa e alla nautica e aumentare la consapevolezza della conservazione acquatica. Stephanie è cresciuta nelle Florida Keys come figlia di una guida alla pesca di appartamenti. Al di fuori del lavoro, puoi trovarla a pescare e andare in barca con la sua famiglia sul fiume Potomac nel Northern Neck of Virginia.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *