Viaggio di pesca alla carpa

È uno specchio d’acqua raro che non contiene la carpa comune, quindi ogni battuta di pesca potrebbe essere una battuta di pesca alla carpa. La presenza delle carpe non è sempre una buona cosa, ma sembra che siano qui per restare, quindi potremmo anche sfruttarla al meglio.

Nei cataloghi dei pescatori di trote puoi aspettarti di trovare trampolieri; in un catalogo di prodotti destinati al carpista, puoi trovare una selezione di sedie portatili. Questo perché, sebbene le ricompense di una battuta di pesca alla carpa possano essere enormi, richiede pazienza e generalmente una sorta di esca.

L’esca per carpe è spesso dolce come il mais o l’esca per la pasta. Ho anche sentito parlare di bibita alla fragola utilizzata. Anche le cavallette o i nightcrawler funzionano molto bene se truccati con un piccolo gancio e appesantiti sul fondo. Le “Boilies”, che sono piccole palline arrotondate di una pasta di ingredienti assortiti, sono molto apprezzate dai fanatici delle carpe e possono essere truccate con l’amo sopra la palla d’esca.

Anche la pesca a mosca delle carpe sta diventando sempre più popolare. È una sfida prendere di mira un pesce che può crescere fino a 60 libbre e che richiede l’agguato su pianure fangose ​​e lanci lunghi verso una piccola area bersaglio con una piccola mosca con la giusta velocità di affondamento.

Andy Sutthoff ama la pesca a mosca delle carpe. “Le carpe incarnano tutto ciò che amo di un vero pesce selvatico.” I “fantasmi d’oro”, come li chiama lui, sono “grandi, forti, intelligenti e diffidenti”. Drew Price in Hatch Magazine fa un buon punto sulla ricerca di un comportamento specifico per nutrire attivamente le carpe. “Carpe con la testa in giù, la coda in su e il fango che sale intorno a loro: il gioco è iniziato! Metti qualcosa sul fondo di fronte a loro e ti divertirai un po’!

“La bellezza è negli occhi di…”

Ammettiamolo: le carpe sono semplicemente brutte. Ma poiché questo è un pesce che raggiunge spesso pesi a due cifre e ha lunghe corse potenti, fanno un ottimo piano B, se non un piano A, anche nelle acque urbane. E anche se la maggior parte dei regolamenti elenca la carpa come un pesce “grezzo”, hai comunque bisogno di una licenza di pesca.

Hai fatto una battuta di pesca alla carpa?


Potrebbe piacerti anche

Andy Whitcomb

Andy Whitcomb

Andy è uno scrittore all’aperto (http://www.justkeepreeling.com/) e papà stressato ha contribuito con oltre 380 blog a takemefishing.org dal 2011. Nato in Florida, ma cresciuto sulle rive degli stagni delle fattorie dell’Oklahoma, ora insegue lucci, spigole e steelhead in Pennsylvania. Dopo aver conseguito una laurea in zoologia presso l’OSU, ha lavorato in incubatoi ittici e come tecnico di ricerca sulla pesca presso l’OSU, Iowa State e Michigan State.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *